14
Mag

HOME STAGING: COME VENDERE CASA IN FRETTA.

Devi vendere casa? Il primo passo è rifarle il look. Con piccoli accorgimenti, temporanei e non strutturali, e un servizio fotografico professionale è più facile far breccia nel cuore di chi compra. Vedere per credere!

_____________________________________________________________________________

Sapete che da qualche tempo anche in Italia esiste un nuovo servizio che può aiutarvi ad accorciare i tempi di vendita del vostro immobile, senza puntare sempre sull’unica leva, ovvero abbassare il prezzo? La soluzione si chiama Home Staging, ovvero la “messa in scena” per la vendita della propria casa!

Di cosa si tratta? Sostanzialmente cambiando disposizione dei mobili, dando un tocco del giusto colore, togliendo il superfluo, scegliendo i complementi più adatti e curando l’illuminazione. Bastano pochi interventi, non strutturali e temporanei, assieme a un servizio fotografico (importantissimo!) realizzato da un professionista, per cambiare volto a una casa e far scattare il colpo di fulmine con i compratori.

L’home stager, il professionista dell’Home Staging, è il regista della “messa in scena” dell’appartamento: si occupa quindi del nuovo look, in modo da suscitare l’interesse iniziale di chi vuole comprare. In un mercato immobiliare che si sta risvegliando, ma che è ancora piuttosto in difficoltà, è importante far spiccare la propria abitazione fra le altre. E soprattutto venderla a un prezzo non troppo inferiore rispetto a quello proposto.

Vediamo l’Home Staging step by step:

Il primo passo per una buona presentazione della casa è conoscerne i pregi e i difetti. Soprattutto i difetti: meglio che li vediate voi prima che li vedano – immancabilmente – i visitatori (e li vedranno, fidatevi!). Fate una lista precisa dei punti di forza e di debolezza dell’immobile da un punto di vista commerciale.

Parola d’ordine: neutralità. Niente personalizzazioni eccessive. Questo allarga le possibilità di incontrare i gusti (vari e sconosciuti) dei possibili acquirenti. Eliminare quindi tutto ciò che la connota troppo: quadri vistosi, soprammobili, foto di famiglia ecc. Ridurre, ridurre, ridurre, per quanto possibile, gli stili marcati: se la casa è troppo moderna o troppo tradizionale bisogna cercare di neutralizzarne il profilo.

Se la casa è un po’ troppo “vissuta” – per usare un eufemismo – bisogna darle una sistemata. Il maquillage è obbligatorio: macchie sulle pareti, infissi in cattivo stato, prese elettriche sconnesse, tubi che perdono vanno riparati o eliminati (almeno alla vista). Si tratta cioè di spendere un po’ di soldi per la manutenzione ordinaria, se non l’avete fatto in precedenza, ma è un investimento (contenuto) che al momento della vendita si ripaga sicuramente.

Ovviamente la casa va presentata pulita e ordinata ma è importante anche liberare più spazio possibile. Se ci abitate non potete svuotarla del tutto per far percepire lo spazio reale. Ma è bene eliminare gli oggetti che ingombrano il passaggio o riducono troppo il volume delle stanze. D’altronde il trasloco è anche una buona opportunità per eliminare ciò che non serve più: cominciate a farlo prima di mostrarla al pubblico.

Imparate a guardare la vostra casa come se fosse la prima volta. L’ingresso è il biglietto da visita, rendetelo accogliente. Il locali che “fanno casa”, poi, sono il soggiorno e la cucina: dedicate a essi un’attenzione particolare.

Massima importanza alle foto: la prima immagine che inserite nell’annuncio è la foto più importante, poiché è la prima che si vede nelle ricerche. Se questa immagine non è interessante, le persone continueranno a cercare e non si soffermeranno sul vostro annuncio. Bisogna ordinare le foto in ordine logico e provare sempre a mettere insieme tutte le immagini della stessa stanza, partendo dalle stanze più importanti.